Russia, 12enne folgorata dallo smartphone nella vasca da bagno

È morta così una studentessa russa di appena 12 anni. Aveva  il telefono con sé mentre faceva il bagno: è stato propria la scossa dello smartphone caduto in acqua a folgorarla ed ucciderla

Una 12enne russa è stata praticamente folgorata nel bagno di casa sua mentre usava lo smartphone. La ragazza faceva il bagno nella vasca e usava il cellulare che intanto era in carica. A raccontare la vicenda è il tabloid The Sun, che riprende le parole della polizia locale. Pare che la dodicenne, Kseniya P., sia morta sul colpo.

La mamma della ragazza, sconvolta, ha raccontato sui poliziotti che la figlia ha fatto il bagno appena è tornata a casa, dopo la scuola e la partita di basket. Kseniya scoltava la musica col suo smartphone ma poiché era scarico, era stata costretta a metterlo in carica.

Quando lo ha inserito in carica, il dispositivo è caduto in acqua mentre il cavo era collegato provocando la scossa letale. Dall’indagine preliminare emerge che sua madre stava preparando la cena e ad un certo punto, accorgendosi che c’era troppo silenzio e la ragazza era da sin troppo tempo in bagno, è andata a controllare.

Quando sua mamma ha scoperto tutto, il corpo della ragazza era già privo di vita e con la testa sommersa dall’acqua, mentre il suo telefono galleggiava ancora nella vasca da bagno.
La donna ha immediatamente chiamato i soccorsi, e nel frattempo ha anche provato a rianimare la ragazzina, ma non c’è stato nulla da fare.

Kseniya era figlia unica e viveva con i suoi genitori nel villaggio di Bolshoe Gryzlovo nella regione di Mosca. Sua mamma è una dipendente di un’azienda e suo padre lavora come autista. Kseniya era una ragazza come tante altre, appassionata di sport e era come il basket, lo sci e la danza.

Quando la storia ha cominciato a circolare su internet, gli utenti hanno invitato i genitori a tenere sotto controllo i figli e prevenire questo tipo di incidenti.

Facebook Comments