La canzone di Ermal Meta e Fabrizio Moro è un plagio? I due artisti rischiano la squalifica

Il Dopofestival ha portato con sé diverse polemiche

Non poteva mancare, come ogni anno, la classica polemica del Festival e gli ipotetici plagi. Questa volta sono Ermal Meta e Fabrizio Moro, gli artisti sotto accusa. La loro canzone è stata sicuramente tra le più belle proposte del Festival, ma pare che nasconda un plagio.

Durante il Dopofestival un giornalista ha puntato il dito contro i due artisti giudicando la loro canzone come un plagio. Il ritornello della loro Non mi avete fatto niente, è per molti aspetti (testi e musica) simile a Silenzio di Ambra Calvani e Gabriele De Pascali, brano presentato per Sanremo Giovani appena due anni fa, nel 2016.

Il regolamento permetterà tale somiglianza? Quello che non può passare inosservato è il fatto che tra gli autori del testo, insieme a Moro e Metal, c’è anche Andrea Febo, autore del testo del Silenzio.

Il dubbio è che la somiglianza non fosse voluta. Ma il fatto che entrambi i brani abbiano lo stesso autore, non gioco a loro favore. Sarà plagio? Sicuramente se così fosse, i due artisti dovrebbero abbandonare la gara a malincuore per il pubblico e la giuria demoscopica che li aveva già inseriti nei primi posti della classifica.

I conduttori del Dopofestival hanno cercato di contenere la polemica, ma il web è praticamente impazzito e subito i video di entrambe le canzoni hanno cominciato a circolare all’impazzato scatenando commenti di ogni sorta.

La cosa che insospettisce gli utenti però è che dopo l’annuncio dei conduttori, però, il link al sito della Rai per poter ascoltare la canzone Silenzio appare “not found”. Un problema dovuto al troppo traffico sul sito o una scelta della produzione del Festival ben precisa? In ogni caso per ascoltare entrambi i brani, potrete andare su Youtube.

Facebook Comments